Agosto 8, 2020

Corinne Lepage "E se fosse lei?


Come hai iniziato in politica?
Nel 1981, ero candidato ecologista al legislativo, facevo parte di Generazione ecologia, prima di accettare la posizione di Ministro dell'ambiente nel 1995 sotto il governo di Alain Juppé. Ma penso che oggi la lotta sinistra-destra non sia più rilevante. Ora dobbiamo scegliere tra azione e immobilità.

Avvocato, fondatore di Cap 21, candidato alle elezioni presidenziali del 2007, esperto presso la Commissione europea, insegnante presso l'Istituto di studi politici di Parigi e presso l'Università di Saint-Quentin en Yvelines, sei anche un regista Transparency International France, che è coinvolta nella lotta alla corruzione politica e finanziaria.

La trasparenza è una delle tue priorità politiche?
Sì, soprattutto dal 1989, sono stato eletto nella lista di un prefetto che alla fine si è rivelato molto sgradevole. Quando ho scoperto lo stato in cui aveva lasciato la città, ho combattuto per più di 5 anni perché la giustizia fosse fatta in questo caso, nonostante le minacce che ho ricevuto.

Il mondo politico è feroce come quello che ritragga in "E se fosse lei?"
Molte situazioni del libro sono fatti reali vissuti o ascoltati.
Questo libro racconta la vita di un oncologo che, prima consapevole di un grave problema di salute pubblica, raggiunge finalmente la presidenza della repubblica. Ovviamente sentiamo un grande parallelismo tra le idee di questo donna e il tuo.



Perché non hai parlato con l'io?
Mi ha dato molta più libertà!

Essere a donna in politica è più difficile fare carriera?
Penso che tra gli ecologisti la struttura sia una delle meno sessiste. Ma se non c'è molto donne in politica, è soprattutto perché è già difficile condurre una carriera e una vita familiare, quindi in politica è ancora meno facile! poi il donne Dubitano di se stessi più degli uomini e spesso si sentono meno all'altezza degli uomini.

Come sei riuscito a combattere tutti questi combattimenti?
Ho la fortuna di avere un compagno che mi ha aiutato molto e le nostre rispettive professioni ci hanno permesso di avere i mezzi per assumere una grande persona a casa, che si prendesse cura dei bambini e delle faccende domestiche. Inoltre, mi sono organizzato per vivere accanto al mio lavoro, il che mi ha permesso di tornare a pranzo a pranzo per vedere i miei figli.



Corinne Lepage (Agosto 2020)